Un militare IN S.P.E., a seguito di un incidente occorso in sede di addestramento ( esercitazioni di paracadutismo)  riporta un grave traumatismo che lo porta nel giro di pochi giorni al decesso.
I familiari, recatisi dall’avvocato militare, intendono avere contezza dei loro diritti con particolare riguardo alla spettanza della c.d. ” speciale elargizione”.
Al riguardo la materia è disciplinata dalla l.280/91 ed in particolare dall’art. 2 che ( modificando la l.308/81 artt. 1 e 6) prescrive ” ai familiari dei soggetti di cui all’art. 1 ( militari di leva o di carriera) …….deceduti in attività di servizio per diretto effetto di ferite o lesioni causate da eventi di natura violenta, riportate nell’adempimento del servizio, è corrisposta una speciale elargizione ( pari a 100.000,00 EURO). 
Pertanto essendosi verificato l’evento nel corso di un’attività di servizio, l’elargizione compete ai familiari essendo destinata, per la sua natura indennitaria, ” a coprire quell’area di rischi a cui il personale militare soggiace nello svolgimento del servizio di istituto” essendo espressamente esclusi dal beneficio gli eventi avvenuti nel perioodo contingente di servizio ( ma al di fuori di obblighi attuali di servizio), gli infortuni in itinere, e tutti quegli accadimenti luttuosi verificatisi nel periodo di licenza, in permesso, o al di fuori del presidio territoriale ( in assenza di autorizzazione).