illegittima la sanzione disciplinare in assenza di difensore: il TAR di Roma sospende gli effetti di una rimozione dal grado

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Interessante pronuncia del Tar Lazio di Roma in relazione ad un ricorso proposto da un militare rimosso dal grado per motivi disciplinari.

La pronuncia dimostra ( se ancora ve ne fosse bisogno….) la ” specialità” dell’ordinamento Militare e l’impossibilità di applicare al medesimo i principi del diritto comune laddove al lavoratore è consentito , anche in sede disciplinare, difendersi da solo.

Il militare lamentava il fatto che il giorno della decisione non era presente neppure un difensore ( militare) di ufficio e che la Commissione di Disciplina aveva deciso di soprassedere a tale assenza ritenendo non necessaria la presenza del difensore.

I giudici amministrativi accogliendo i motivi di ricorso argomentavano nel senso che gli artt. 1387 e 1388 del C.O.M. impongono la presenza del difensore di ufficio in assenza della nomina fiduciaria di altro difensore.

Sotto questo profilo – dunque – a nulla vale la ( ritenuta) presunta gravità degli addebiti disciplinari essendo venuto meno un presupposto di legittimità del procedimento disciplinare.

Per questi motivi dunque sospendevano gli effetti dell’impugnata sanzione disciplinare ( di stato) della rimozione dal grado.