giudizio psico attitudinale : per il Tar Lazio hanno rilevanza i precedenti di servizio come vfp

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Interessante apertura giurisprudenziale del Tar Lazio in materia di giudizio attitudinale in materia di concorsi pubblici e reclutamento nelle FF.AA.

Nel caso di specie il ricorrente pur all’esito di prove particolarmente brillanti era stato giudicato ” non idoneo” dall’Ufficiale selettore in ragione del colloquio psico- attitudinale.

Ricorreva al Tar denunciando – tra l’altro – i suoi precedenti di servizio svolti in altra forma armata con lusinghieri giudizi nelle schede valutative non adeguatamente presi in considerazione dalla Commissione.

Il Tar Lazio – con sentenza interessante – accoglieva il ricorso per difetto di motivazione osservando tra l’altro che:

“aver prestato servizio militare in una Forza Armata diversa dall’Arma dei Carabinieri, seppur con ottimi risultati e apprezzamenti, non costituisce, sic et simpliciter, requisito per il passaggio al ruolo di Carabiniere effettivo, atteso che l’Arma dei Carabinieri, oltre ad essere una Forza Armata con prerogative e compiti esclusivi e specificatamente riferiti anche ai compiti di Polizia Militare, è altresì una Forza di Polizia con compiti di polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza” (Cons. Stato, Sez. IV, 4 maggio 2011, n. 2670), è altrettanto vero che, secondo il recente orientamento della Sezione, “il giudizio relativo agli accertamenti psico-attitudinali, proprio in relazione all’esclusiva funzione prognostica connotata da ampio margine di incertezza, comporta e richiede che la determinazione finale consideri e valuti anche l’obiettivo dato fattuale costituito dagli eventuali precedenti di servizio dei candidati. Ciò non significa la prevalenza di questi ultimi sui risultati conseguenti agli accertamenti psico-attitudinali dei candidati, ma solo che il giudizio prognostico deve necessariamente tenere in debito conto e dimostrare, attraverso una adeguata e congrua motivazione, le ragioni per cui i primi prevalgono sul dato obiettivo e concreto” (Tar Lazio – Roma, Sez. I bis, 4 aprile 2017, n. 4231; 25 maggio 2017, n. 6225).